La spesa improduttiva puo’ essere la causa della crisi?

E’ convinzione comune che in Italia si spendi troppo e male. Saranno i media che trasmettono tutti i giorni quanto costa la Casta mentre c’e’ chi non arriva a fine mese o non trova lavoro, ma la spesa pubblica dell’Italia e’ nella media europea, come si vede in questo grafico elaborato dal prof. Alberto Bagnai.


Comunque una spesa pubblica difficilmente e’ improduttiva, basti pensare che Stati come il Regno Unito, forniscono un assegno di disoccupazione alle persone che non trovano lavoro. Seguendo la logica dei luoghi comuni questa e’ una spesa improduttiva in quanto si ottiene qualcosa in cambio di niente.

In realta’ questo assegno aiuta a muovere l’economia perche’ il disoccupato con quei soldi si compra il pane ed altri prodotti di prima necessita’ che si traduce in opportunita’ di lavoro per i produttori di quei prodotti.

Notare che tutte le banche centrali, a parte quella europea, durante la recessione hanno aumentato la spesa pubblica e ridotto le tasse. La Banca Centrale Europea (Bce) invece ci impone di tagliare il debito che si traduce in tagliare la spesa pubblica, aumentare le tasse e/o svendere i gioielli di famiglia per pagare i debiti. Credo che ci stanno spingendo verso quest'ultima opzione in quanto in queste condizioni sara’ ben difficile far diversamente.

ing. Luca Boscolo
Movimento per l’uscita dall’euro
www.no-euro.org